ARTICOLO

Correzione di bozze. 2 cose fondamentali da sapere più 1 curiosità

di Andareacapo

correzione di bozze

Scritto da Alessia Vannini

Qualunque cosa tu abbia scritto: a mano, a macchina o al computer, che sia un libro, una tesi di laurea, un documento, un contratto, una ricerca o un diario; io sono qui per renderlo pulito, ordinato e pronto per essere presentato. A chi? Alla casa editrice dei tuoi sogni, ai tuoi lettori, al tuo relatore, al tuo cliente, ai tuoi colleghi al convegno. A chiunque. Non ci sono limiti. Ci sono solo errori da correggere. E io sono qui per questo.

25 Luglio 2021

Cos’è la correzione bozze?

 

Facciamo una premessa

Chi mi segue da un po’ sulla mia pagina Facebook  o sul mio profilo LinkedIn, avrà già letto un post in cui ne parlavo. In questo articolo vorrei approfondire quanto già accennato.

Negli ultimi anni, i confini dei ruoli dei professionisti editoriali, quindi anche del correttore di bozze (spesso abbreviato con cdb), sono divenuti sempre più sfumati. Sono poche le realtà così ben strutturate da potersi permettere una figura per ogni processo editoriale.

Con l’avvento del self publishing, poi, il cliente spesso si affida a un solo professionista e pretende che valuti, editi, impagini, corregga, revisioni, crei la copertina e chi più ne ha più ne metta.

Tutto questo è sbagliato perché ogni professionalità richiede studio, preparazione, conoscenza degli strumenti adatti.

Può quindi un cdb essere in grado di impaginare, editare o creare la copertina del tuo libro? Certo, ma solo se ha studiato, si è preparato e ha appreso l’utilizzo di software o strumenti specifici di quella professionalità.

In una casa editrice o in un’agenzia editoriale grande e strutturata, probabilmente ci sarà una figura professionale per ognuna di queste attività. In realtà più piccole ci sarà una sola figura, forse due, a ricoprire tutti questi ruoli.

Un cdb freelance, invece, dovrà imparare a destreggiarsi con più tipologie di lavoro per offrire un’ampia gamma di servizi ai suoi clienti.

Sì ma, ricapitolando, cosa si chiede a un professionista quando gli si chiede una correzione bozze?

Quali compiti ha il correttore di bozze?

Ormai l’abbiamo capito: non si può più infilare la testa sotto la sabbia e far finta che un correttore di bozze possa fare sempre e solo quello.

Sì, ma se il cliente chiede solo una correzione di bozze, cosa gli possiamo offrire?

Una correzione di bozze, che sia richiesta a un professionista freelance, a un’agenzia editoriale o a una casa editrice, prevede, almeno teoricamente cose ben precise.

La correzione di bozze si occupa di:

  • errori grammaticali, ortografici, lessicali, semantici, morfologici, sintattici;
  • errori di punteggiatura;
  • errori di paragrafazione;
  • refusi ed errori di battitura;
  • controllo dell’uniformità editoriale;
  • controllo dell’impaginazione e della formattazione;
  • controllo delle fonti

Cosa non rientra nei compiti del correttore di bozze?

  • valutazione del manoscritto;
  • editing: struttura, intreccio, trama, personaggi, contenuti…;
  • grafica: formattazione, impaginazione, copertina, illustrazioni;
  • revisione delle traduzioni;

È chiaro che il correttore di bozze, se in grado di farlo, può anche offrire tutti i servizi che non rientrano nel suo ruolo, chiamiamolo tradizionale. Ma sono, appunto, altri servizi e il professionista può scegliere se proporli o meno ai suoi clienti. Questo significa, prima di tutto, che non rientreranno nelle sue competenze se un cliente chiederà solo una correzione di bozze. Mi sembra quindi altrettanto chiaro che non possono rientrare neanche nella tariffa proposta.

La tariffa per un editing, per esempio, è molto superiore a quella della correzione di bozze, ma di questo parleremo in un altro articolo.

Io, correttrice di bozze freelance, quando mi chiederai un preventivo per i miei servizi, cercherò di essere sempre molto chiara su questo punto: la tariffa per una correzione di bozze prevede solo la correzione di bozze.

Se credi di aver bisogno di una correzione di bozze, o semplicemente vuoi chiedermi altre informazioni, visita il mio sito www.Andareacapo.it per scrivermi o chiamarmi. Sono qui per questo, felice di essere utile a te e al tuo testo.

La curiosità

Ormai c’è una Giornata per tutto. Ma proprio tutto. Poteva quindi mancare la Giornata del correttore di bozze? Certo che no! E sai quando viene festeggiata? Te lo dico? Te lo dico. Il 27 ottobre.

Ma perché è stata scelta questa data? Perché in questo giorno, nel 1467, è nato Erasmo da Rotterdam, uno dei correttori di bozze più famosi della storia dell’umanità. Sì, lo so che è conosciuto per altre cose, ma ti pare poco averlo come collega?

Potrebbe interessarti…

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. QUANTO COSTA RIVOLGERSI A UN CORRETTORE DI BOZZE FREELANCE? ECCO QUELLO CHE DEVI SAPERE - ANDARE A CAPO - […] precedente articolo, abbiamo visto cosa è giusto aspettarsi quando ci rivolgiamo a un correttore di bozze freelance. Ma chi…

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This
Avvia la chat
💬 Hai Bisogno di info?
Ciao! 👋🏼
Come Posso aiutarti?